Muffin alle ciliegie senza burro

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

Muffin alle ciliegie senza burro

Muffin alle ciliegie senza burro sono dei soffici e gustosi dolcetti ideali per una colazione o merenda sana e leggera. Facili e veloci da realizzare.

Muffin alle ciliegie senza burro
Muffin alle ciliegie senza burro

Dosi per 8-9 muffins Preparazione: 15 min Tempo di cottura: 20 min Difficoltà: Facile

  • 260 g di farina
  • 180 ml di latte
  • 2 uova medie
  • 120 g di zucchero
  • 50 ml di olio di semi
  • 1/2 bustina di lievito per dolci
  • 1 pizzico di sale
  • 1 cucchiaino di limoncello
  • 120 g di ciliegie (già denocciolate)
  • zucchero a velo

Procedimento

  1. In una ciotola setacciate la farina con il lievito, il sale e lo zucchero, mescolate bene.
  2. In un’altra ciotola capiente sbattete le uova, unite il latte, l’olio. Amalgamate bene il tutto
  3. Unite in un paio di volte gli ingredienti solidi a quelli liquidi, mescolate il tutto velocemente con una frusta a mano.
  4. Aggiungete il limoncello e ciliegie mescolate delicatamente con una spatola.
  5. Imburrate e infarinate stampini per muffin e versate con un cucchiaio il composto al loro interno.
  6. Cuocete per 20 min circa in forno già caldo a 180°.
  7. Lasciate raffreddare i Muffin alle ciliegie senza burro prima di togliere da stampini
  8. Spolverate di zucchero a velo e gustate Muffin alle ciliegie senza burro.

Propongo per questa ricetta, Il sapore della ciliegia, un film drammatico del 1997 diretto da Abbas Kiarostami, vincitore della Palma d’oro come miglior film al Festival di Cannes.

il sapore della ciliegia

Scheda film

imagesNazione e anno: FR, IRAN 1997
genereGenere: Drammatico
durata Durata: 98 min
regia Regia: Abbas Kiarostami
sceneggiatura Sceneggiatura: Abbas Kiarostami
attori Attori: Homayon Ershadi, Abdolrahman Bagheri, Afshin Khorshid Bakhtiari, Safar Ali Moradi, Mir Hossein Noori, Ahmad Ansari

Un uomo in automobile percorre la periferia di Teheran. Carica un soldato curdo, poi un seminarista afgano, infine un vecchio che lavora al Museo di storia naturale. Il suo percorso, i suoi dialoghi all’inizio sono spiazzanti; poi si fanno via via più angoscianti. L’uomo cerca qualcuno che sia disposto ad aiutarlo a suicidarsi, che la mattina dopo, si rechi in un luogo convenuto, vicino a una fossa già scavata, lo chiami e, se lui non risponderà, riempia di terra la fossa.

Share.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.